banner
Centro notizie
Il nostro obiettivo finale è offrire prodotti di qualità superiore a prezzi economici.

Nord magnetico: il futuro rinnovabile della Scozia come hub di data center

Oct 08, 2023

Kerr Johnstone è un direttore di i3 Solutions Group

Con credenziali ecologiche che includono la più bassa intensità energetica di carbonio del Regno Unito, un maggiore accesso alle RER, terreni a basso costo e sostegno politico, la Scozia potrà realizzare il suo potenziale nel settore dei data center?

Da quasi due decenni si parla della Scozia come di un luogo per data center di grandi dimensioni e su vasta scala. La geografia, il clima, l’accesso alle energie rinnovabili e il miglioramento della connettività sottomarina soddisfano molti dei criteri di sviluppo.

Tutti rafforzano l’enorme potenziale del Paese di attrarre molteplici sviluppi di data center su larga scala.

La Scozia è verde. Un aspetto positivo per la Scozia è il suo crescente accesso alle risorse per la produzione di energia rinnovabile. La capacità di energia rinnovabile della Scozia ha raggiunto i 13,6 GW nel settembre 2022, con un aumento dell’11,7% rispetto all’anno precedente dovuto in gran parte all’entrata in funzione di una maggiore quantità di energia eolica onshore e offshore.

L’elettricità utilizzata nel sud della Scozia – che comprende la cintura centrale – è stata la più verde (misurata come grammi di anidride carbonica equivalente prodotta per kilowattora di elettricità generata (gCO2e/kWh) di qualsiasi altra parte della Gran Bretagna dall’inizio del nuovo secolo). Questo è quanto emerge da una ricerca indipendente commissionata da DataVita, il principale fornitore scozzese di data center e servizi multi-cloud.

I dati hanno mostrato che il sud della Scozia ha registrato il tasso medio di gCO2e/kWh più basso di qualsiasi regione del Regno Unito, con poco più di 47 grammi all’ora da gennaio 2020.

DataVita afferma che in periodi particolari un carico di lavoro IT ospitato in Scozia potrebbe essere 11 volte meno intenso in termini di emissioni di carbonio rispetto alla sede con le peggiori prestazioni nel Regno Unito e tre volte meno intenso di un carico di lavoro in esecuzione a Londra.

Il costo del territorio scozzese e la qualità del sito stanno suscitando interesse.

Nel maggio 2023 Scottish Futures Trust/Host in Scotland, Crown Estate Scotland e Scottish Enterprise hanno pubblicato un rapporto aggiornato sulla selezione del sito.

Nel marzo 2021 Host in Scotland, in collaborazione con Scottish Enterprise (SE) e Crown Estate Scotland (CES), ha commissionato un rapporto che ha stilato un elenco di siti che ritiene siano pronti per progetti di sviluppo di data center ecologici. Da un lungo elenco di 80 siti idonei, sono stati individuati 36 luoghi privilegiati dai confini a Inverness sulla base di criteri quali energia disponibile, accesso alle energie rinnovabili, scala territoriale e connettività.

Il rapporto aggiornato sulla selezione del sito 2023 ha consentito di verificare la disponibilità dei siti precedentemente selezionati e di includere aggiornamenti sul loro stato di sviluppo. Dal 2021, sono stati ricercati nuovi siti per il potenziale sviluppo di data center contattando le autorità locali, varie agenzie governative e agenti immobiliari. Ciò ha comportato un aumento di cinque nuovi siti selezionati che rappresentano i migliori siti per lo sviluppo di data center in tutto il Paese. Alcuni di questi siti sono adatti per l’uso in colocation urbana, mentre altri siti sono considerati più adatti allo sviluppo rurale su vasta scala.

Anche la geografia montuosa della Scozia è un vantaggio. Nel marzo 2023 il colosso energetico SSE ha dichiarato che avrebbe investito 100 milioni di sterline (126 milioni di dollari) in un impianto di stoccaggio di energia idroelettrica tramite pompaggio nelle Highlands scozzesi.

E risalendo al 2009, quando la Crown Estate concesse in licenza la sua parte del fondale marino nel Pentland Firth allo sviluppatore di energia mareomotrice MeyGen plc, storie sul potenziale di data center da 800 MW funzionanti con energia pulita sono emerse regolarmente. Il colosso energetico svizzero ABB fornisce la connessione alla rete per MeyGen in un accordo annunciato nel 2014.

La diversa connettività in fibra verso la Scozia sta migliorando. Tampnet Carrier è un operatore di rete ad alta velocità con sede nei paesi nordici responsabile di oltre il 30% del traffico tra Norvegia, Regno Unito ed Europa.

La compagnia ha due rotte dalla Scozia a Londra. Uno dal suo PoP a Edimburgo si collega direttamente a Londra offrendo diversità per i trasferimenti di dati.

Un'altra rotta da Edimburgo utilizza la rete sottomarina di Tampnet nel Mare del Nord per collegarsi al fiorente mercato dei data center nei paesi nordici.